STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
gochiamo alla puttanala cuginetta NIKLAl'amico di mamma...UNA DOMENICA SERALa prima e spero non ultima volta di mia mogliequel bocconcino di mia mogliel'amico dei mieimagnifica scopata in 4
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

La festa della 18enne
Eravamo in un bel ristorante sul mare per festeggiare i 18 anni della figlia di una nostra amica, mia e mia moglie. Ricevetti una telefonata di lavoro e mi dovetti assentare per un paio d'ore, al ritorno, non avevo avuto tempo di avvisare del mio arrivo, ma al parcheggio mi attende la festeggiata.Mi viene subito incontro e con un cenno per dirmi di fare piano e in silenzio mi porta in una piccola stanza che il ristorante gli aveva messo ha disposizione. In verità non riuscivo a comprendere cosa stesse succedendo ma la cosa mi intrigava molto.Entrati in camera mi fece sedere sul letto e mi disse " sono arrabbiata con te, per tutta la serata non mi hai degnato di uno sguardo, non mi hai fatto nemmeno gli auguri." io le chiesi scusa se non gli avevo dato attenzione, e pareva che le scuse le avesse accettate quando mi disse ancora " non mi hai fatto nemmeno i complimenti per il mio vestito, non ti piace?" ed è lì che allora la incominciai ha guardare in un altro modo. Effettivamente era bellissima. Portava un minigonna che a stento gli copriva il culo e metteva in risalto due belle cosce, sopra indossava una giacca aderente si intravedeva un top che a stento riusciva a contenere due zizzoni della m......a, duri e da succhiare. Lei aveva capito che mi stavo eccitando a guardarla e si tolse la giacca mettendo in mostra il Paradiso. Mi si avvicinò e mi sussurrò " so che ti piacciono le tette grosse, perchè non provi le mie?" non mi feci ripetere la frase che la mia faccia era già tra quei due cocomeri, duri grossi, gli tolsi top e reggiseno e afferrai i suoi capezzoli incominciando a succhiarli e a morderli finchè non li sentii diventare duri. Lasciai scivolare la mano sotto la gonna e li mi accorsi che la troietta non aveva gli slip, ma aveva la fica super bagnata, le mie dita scivolavano dentro che era una meraviglia quando lei mi chiese" leccami la fica, fammi sentire la tua lingua, sono la tua zoccola" La succhiai non so per quanto tempo la, sua passera ben depilata era fradicia e arrapata ed era pronta per essere chiavata a tutta forza. Prima però facemmo un bel 69, quando mi calò i pantaloni non potette trattenere un hooo di meraviglia vedendo il mio cazzone super, duro e la grande cappella, lo prese subito tra le sue labbra e lo infilò dritto in gola a più riprese e quando sentì di avermelo fatto idurire perbene non esitò a infilarselo nella fica. Godeva come la più zoccola delle zoccole e diceva "sbattimi, fottimi è una vita che voglio il tuo cazzo, sverginami la fica che dopo mi devi rompere il culo" Che Troia, era una colata di piacere e una dopo lunga cavalcata si girò alla pecorina e mi disse "adesso nel culo amore, ma fai piano perchè sono vergine" la lubrificai un po il buchetto, le misi la cappella sul buco e con piccoli colpi affondai un po alla volta il mio cazzone nel suo culo. Le feci un po male ma quando gli chiesi se dovevo toglierlo lei disse subito di no " non preoccuparti non posso perdere l'occasione di farmi spaccare il culo dal cazzo più bello che ho mai visto. Spingilo dentro fino alle palle, oggi festeggio anche la rottura del mio culo" La montai per non so quanto tempo, poi lei si alzò si mise di nuova a cavallo del mio cazzo e dopo tanti su e giù e le sue enormi tette sbattute in faccia la Troia godette come solo quelle come lei sanno fare,la zoccola. Si alzò dal letto mi fece alzare anche a me e dopo essersi inginocchiata incominciò con una super spagnola, il mio cazzo era ormai a mille e quando sentì che stavo venendo mi disse "ancora un attimo amore, prima fatti fare in pompino" resistetti ancora un pò ma il cazzo nella sua bocca era come una bomba innescata, ad un tratto cedetti e la mia sborra calda era in gola alla Troietta. Non lasciò cadere nemmeno una goccia la ingoiò tutta poi mi guardò e disse " lo so, sono una gran zoccola ma lo sono solo con gli stalloni come tè". La fotto ancora la Troia e ogni volta mi stupisce sempre.
ps: la mamma è anche meglio ma vi dirò in seguito.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 60): 6.78 Commenti (5)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10