STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Servizio in cameraverginella, ma molto troiaChe zoccola...pompini in pinetamia moglie insodisfatta.....Due Amiche inseparabili - Un sogno divenuto realtàimprintinguna bella sega
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Festa di carnevale con sorpresa
Ciao a tutti,e un bacio a tutti coloro che leggono le mie( e molte)avventure amorose.Sono Rosa,e assicuro che le storie che leggete e che avete letto,sono rigorosamente reali,infatti potrete notare che i miei racconti hanno sempre qualcosa che si distingue da racconti banali, per via delle situazioni che si creano soltanto vivendole realmente.Adesso voglio raccontare quello che ho vissuto nel periodo di carnevale.Premetto che sono stata obbligata da Ottobre a desistere per qualche mese ad avere rapporti sessuali,a causa di un piccolo intervento seguito da una lunga convalescenza(e di astinenza).A Febbraio,mio marito Leo,mi informa che mi avrebbe portato ad una festa in maschera, in un noto locale nei pressi del confine francese.Io ne ero felice,finalmente tornavo a vivere,e la sera della festa,io e Leo ci mascherammo(non dico come per non essere eventualmente riconosciuti)dico solo che i miei capelli biondi ,erano coperti da una parrucca di capelli neri.Il locale era affollatissimo,tutti o quasi erano mascherati,le risate si susseguivano altissime,in poche parole:un vero casino.Non mi dilungo troppo,ero seduta accanto a Leo quando mi sento toccare ad una spalla,mi volto e vedo una maschera che raffigurava un orribile vecchio con tanto di gobba e di bastoncino."vuoi ballare con un vecchio decrepito?"mi dice il tizio con voce artefatta,ed io ridendo gli risposi:"ma ce la fai?"E il tipo prendendomi per mano mi rispose che mi avrebbe fatto vedere.Ovviamente ballava benissimo e,dopo alcuni balli scatenati,le note di un bellissimo lento invasero la sala.Mi prese per la vita,e piano piano ,fece aderire il suo corpo al mio.Mi stringeva forte,ed io sentivo il suo cazzo premere contro di me.Dopo tanta astinenza, la voglia di scopare era forte,e quando mi chiese di appartarmi qualche minuto con lui,accettai al volo.Andammo in una specie di sgabuzzino lungo e stretto,mi fece sedere su uno sgabello molto basso, e dopo essersi calato pantaloni e mutande,venne verso il mio viso tenendo in mano un cazzo che stimai tra i 18 e i 20 cm,abbastanza grosso e venoso.Sentirlo in bocca era piacevole,me lo infilava fino alle palle che riuscivo a leccare golosamente.La fica era ormai fradicia di umori,volevo essere scopata,e dopo averlo allontanato a fatica dalla bocca,mi alzai,mi voltai,e mi appoggiai ad un mobile in attesa della agognata penetrazione.Il tipo, dopo aver sollevato la gonna fin sulla schiena,mi fece mettere a 45 gradi,e dopo aver spostato le mutandine da un lato mettendo a nudo la fica,con diversi colpi ben dati, fu dentro di me,facendomi finalmente godere nel sentire il cazzo andare avanti e indietro,prima piano,e poi,sempre più veloce.Dopo qualche minuto di martellamento,iniziai a sentire il calore della sborra che invadeva con forti schizzi il mio ventre,e,quando le pulsazioni cessarono,fece uscire il cazzo rapidamente,mettendo le mutandine al loro posto, facendole inzuppare di sperma.Tornammo in sala,ed io dovetti andare in bagno a togliermi le mutandine ormai zuppe di sborra ,le avvolsi con della carta igienica,e tornai da Leo ."Ti diverti?"mi chiese lui,"anche troppo",risposi io dandogli un bacio sulla guancia.La festa proseguiva,ed io cercavo con lo sguardo il "vecchietto scopatore"ma senza successo.Dopo circa un'ora,mentre parlavo con una ragazza,mi sento prendere la mano,mi giro, credendo fosse Leo,invece era nuovamente"il vecchietto".Con quella orrenda maschera si avvicina al mio orecchio e mi sussurra:"Vieni che riprendiamo il discorso".Leo era seduto ad un tavolo a parlare con amici,mentre io, mi lasciai condurre in un altro salottino dal tipo nuovamente arrapato.Qui era presente un bel divano sul quale mi fece distendere a pancia sotto.Questa volta la gonna la sollevai io,ed essendo senza mutandine,ero pronta alla monta.Il tipo,dopo essersi denudato,mise un dito intriso di saliva nel mio sfintere,con lo scopo di farmelo dilatare,e,grazie alla mia collaborazione e alla abbondante saliva,ben presto il cazzo prese il posto del dito.Sentire il pistone andare su e giù per il culo,la cappella che si faceva largo nelle viscere,le palle che picchiavano contro la fica,il tutto mi procurava un piacere indescrivibile.In quella posizione ebbi due intensi orgasmi,e le contrazioni del mio sfintere, facevano sentire il cazzo del mio "vecchietto" ancora più grosso.Ad un certo punto, dopo diversi e profondi colpi,il tipo mi strinse forte tra le braccia,si mise a gemere piuttosto forte e diede inizio a sborrare nel mio bel culetto.Le sue contrazioni erano per me un gran godimento,il calore dello sperma mi mandava in estasi,avrei voluto che quel momento non avesse mai fine.Dopo essermi ricomposta tornai in sala,e dopo circa 30 minuti, Leo mi disse che ormai era ora di tornare,era tardi,e dopo avere salutato tutti,partimmo per rientrare a casa.Strada facendo mio marito disse che si era veramente divertito,e per giunta,aveva ritrovato un suo vecchio compagno di scuola,che era noto come il contaballe."Per quale motivo lo chiamavate in quel modo?"chiesi .Il motivo era semplice:si vantava di tutto,lui sapeva tutto,le ragazze erano pazze di lui,diceva di avere un cazzo enorme,ma alle nostre richieste di farcelo vedere nel bagno della scuola,come facevano tanti per fare due risate,lui si rifiutava,in quanto a suo dire,avremmo fatto la figura degli handicappati.Perfino questa sera,mentre eravamo nella veranda, dopo essersi tolto la maschera ,lo ho riconosciuto e dopo aver parlato dei vecchi tempi ,ne ha sparato un'altra delle sue,mi ha confidato che questa sera, durante la festa,si è scopato una donna sposata sborrandole dentro e impregnandole le mutandine,e poi,dopo un'ora circa, le ha piantato il cazzo nel culo ,facendola godere come una troia diverse volte,e per finire,le ha riempito il culo di sborra,che sicuramente,se la porta fino a casa.Naturalmente,prima di tutto questo, la signora in questione gli ha fatto anche un pompino."Non è cambiato affatto,contaballe era e tale è rimasto"pensai."Ma questo tuo amico,che maschera aveva?"chiesi a Leo."Era travestito da vecchietto"rispose,ed io:"ma sei sicuro che ti ha raccontato delle frottole?""Ma quale donna credi che si sia fatta scopare da lui?"rispose."Quello che ti ha confidato corrisponde al vero, e te lo posso dimostrare"replicai.Presi la borsetta e tirai fuori il pacchettino contenente le mutandine ancora fradicie di sperma:"Ecco vedi?Gocciola ancora della sborra che mi ha schizzato nella fica il tuo amico, e il cazzo che lo ha fatto,effettivamente era di dimensioni oltre la norma,mi ha fatto godere tantissimo quando me lo ha messo anche dietro,ci sapeva fare e mi ha sborrato dentro provocandomi un ulteriore orgasmo,il tuo amico quindi,non mi sembra che sia un contastorie".A quella rivelazione,Leo ferma la macchina,(sinceramente ho avuto un attimo di paura),credevo che si fosse risentito,si volta verso di me ,infila una mano sotto la gonna, mi fa voltare verso la portiera in modo da sollevare le chiappe dal sedile,infila un dito nel culo iniziando un ditalino,fino a che,lo sperma presente ancora dentro di me ,comincia a fuoriuscire,e Leo in estasi mi dice:"Sei una vera donna da letto,una vera troia!!!!.Spero che questa avventura sia piaciuta,e spero di leggerla Con Leo quanto prima,sperando che venga pubblicata.Un caloroso bacio a tutti. Rosa

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 2): 6.5 Commenti (0)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10